• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con artificiali
\\ Home Page : Articolo

TESTATI DAVVERO - Canna da viaggio ultralight Daiwa PSO704ULFS-TR Presso

Di Giuseppe Boschetti (del 30/04/2015 @ 14:41:17, in Testati davvero, letto 9936 volte)
La "Presso Ultralight Spinning Rods" della Daiwa è una serie di canne da spinning dedicate , come si può intuire, allo spinning ultraleggero. E' composta da 2 modelli monopezzo , 6 modelli da due pezzi ed infine da 4 modelli da viaggio da quattro pezzi. Come "grammatura" di lancio si va da 1/32 di oncia (circa 0,89 grammi), la minima comune a tutti i modelli, sino ai 3/8 di oncia (circa 10,65 grammi) per i modelli travel. Le lunghezze variano dai 4 piedi ( 1,2 metri) minimi sino agli 8 piedi (2,4 metri) massimi. Le caratteristiche della seie sono visibili online a questa pagina del sito Daiwa oppure visionando la versione stampata (pdf) della stesssa presente sul sito.
Personalmente ho testato il modello PSO704ULFS-TR che indica come codice il modello da viaggio in 4 pezzi di lunghezza 7 piedi e di grammatura 1/32 - 3/8 di oncia.
Daiwa PSO704ULFS-TR PressoLa custodia è realizzata in cordura rigida lunga circa 60 cm , larga 5circa 6 cm e alta circa 10 cm. La sua robusteza e rigidità permette di essere trasportata in tranquillità senza troppe paure di romperne il contenuto. L'apertura avviene tramite una zip , posizionata nella parte superiore. All'interno trovano alloggiamento i 4 pezzi tenuti fermi tramite comede strip di velcro.
La prima impressione è di stupore. Tutto è ridotto veramente al minimo, anelli, impugnatura e diametri vari delle sezioni. Gli anelli sono la parte che più colpisce. La "pietra" al loro interno è praticamente invisibile sopratutto in quelli più piccoli verso il cimino. Vi assicuro però che è presente e fissata molto bene. Gli innesti utilizzano il sistema "Spigot" che rende la canna leggermente più ridigida comparata aglia altri modelli. E' questo il motivo percui la "grammatura" di lancio superiore è maggiore rispetto all'equivalente in lunghezza delle 2 pezzi o delle monopezzo. La cosa non disturba assulutamente , anzi ne aumenta seppur di poco la potenza di lancio. Una volta montata si rimane colpiti dall'estrema leggerezza e dalla sua flessibilità. Un vero fuscello!
Per non "rovinarne" le caratteristiche e la bilanciatura va per forza di cose abbinata con mulinelli piccoli e leggeri , tipo le varie serie 1000.
Personalmente con questa canna uso un "Mito Micro RD 1000" della Trabucco che la bilancia perfettamente.
Ma veniamo alla parte saliente per poter sfruttare tutta la "bellezza" della canna, ossia il filo da montare sul mulinello! Si perchè influenza e non poco il lancio e la sensibilità durante il recupero. Non a caso viene consigliato dalla Daiwa stesso l'utilizzo di fili da 2 a 8 libre ( da 0,9 a 3,6 chilogrammi) a seconda del modello.
Quindi , tanto per iniziare, scordatevi diametri superiori allo 0,16 !!! Se come me siete dei fanatici del trecciato diminuite ulteriormente i diametri.
Sulle grammature più alte , diciamo a partire dai 2,5 grammi a salire non ci sono problemi qualsiasi tipo di filo venga montato, trecciati compresi che sono ovviamente più "rigidi". Ottimo sia il lancio che la sensibilità durante il recupero. Scendendo di grammatura vanno usati i classici nylon ma il non plus ultra è l'utilizzo del Berkley NanoFil ,costi e problemi di nodo a parte. Con quest'ultimo si sfruttano completamente tutte le caratteristiche della canna in tutto il range di lancio!
Vediamo ora il comportamento durante l'azione di pesca. Soffre decisamente il recupero in acque con corrente da media in su, quindi in torrentini "impetuosi " o con correnti non propro lente meglio usare un'altra canna. Il suo ambiente ideale è rappresentato da lanche , stagni , cave ed acque con correnti lente tipo canali , rogge etc.
Per quanto riguarda la taglia delle prede vi posso assicurare che sino a taglie intorno ai 2 etti è un vero spasso!! Si sentono completamente tutti i movimenti del pesce allamato! Un vero sballo i persici sole che tirano come maledetti! Salendo di taglia sino ai 500 grammi, non ci sono grossi problemi diventa ovviamente più impegnativo e adrenalinico il recupero. Cavedani e black bass medi si riescono a giostrare senza troppi patemi d'animo e paure di rottura. Taglie superiori ? Mi è capitato e ..... per paura ho tagliato il filo ... se siete coraggiosi provateci!
Il costo per la canna nuova si aggira intorno agli 80 dollari a seconda del negozio Amazon , Ebay , TackleDirect , FishUsa, etc. IL prezzo è in dollari perchè attualmente non viene importata in Europa per motivi commerciali ( poco intersesse, oggetto di nicchia, etc). A tale prezzo vanno aggiunte ovviamente spese postali e doganali che nel mio caso ha fatto lievitare il costo a circa 150 dollari che, al cambio della data di acquisto, tradotto in euro è stato di circa 105 euro.
Ogni tanto nei vari mercatini di scambio (ScambioSport , Ebay, etc. ) si riesce a trovare l'usato a prezzi decisamente interessanti.
Concludendo: canna ottima e decisamente divertente che va usata, onde evitare rotture, seguendone le caratteristiche. L'ingombro minimo la rendono ottima per chi frequenta torrentini di alta montagna , a chi piace girovagare per canali in bicicletta o moto o per chi segue l'ultima moda dello StreetFishing spostandosi con mezzi pubblici o a piedi tra i canali cittadini.
RICERCA
Cerca in SpinningOnLine
 

Il pescatore di tempo - di Michele Marziani
ARTICOLI PUBBLICATI
< ottobre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
 Catalogati per mese:
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Ultimi articoli inseriti
Articoli più letti
SONDAGGIO
Il futuro della pesca sarà solo nelle riserve e cave a pagamento?

 Si
 No
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.