• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con artificiali
\\ Home Page : Articolo

TECNICA - Pescare "nel buio"

Di Giuseppe Boschetti (del 07/11/2007 @ 10:04:54, in Tecnica, letto 40468 volte)
Se sfogliamo i cataloghi dei produttori di esche artificiali, non solo esteri ma anche italiani, troviamo ultimamente esche e o vernici con particolari colorazioni “ad emissione di luce”. Esche fluorescentiÈ l’ultima frontiera delle innovazioni, grazie anche a sostanze ,un tempo tossiche ora innocue, utilizzate nella costruzione o che vanno maneggiate in caso di fai da te. Stiamo parlando della pesca con “lampi nel buio” o per dirlo all’americana “Glow-in-the-dark”. Non si tratta una tecnica ma piuttosto di una tattica basata su esche artificiali colorate con particolari colori e tinture. Alla base della colorazione ci sono i concetti di fluorescenza e di fosforescenza. Nel primo caso troviamo oggetti che, colpiti dalla pur minima luce, emettono colori di intensità estremamente visibile, come nel caso del giubbotto che tutti siamo obbligati ad avere in macchina. Nel secondo caso sono presenti oggetti, esche testine e via discorrendo, che una volta “caricate” con una normale lampada o luce solare, emettono spontaneamente luce propria del colore dei pigmenti da cui sono formate, come esempio i numeri visibili al buio dei nostri orologi. Entrambi emettono “luce”, ma i primi quando manca la “sorgente” smettono di “emettere”. Questa è la loro sostanziale differenza. Esche fosforescentiAnalizziamo ora l’aspetto tattico, ossia quello che più ci interessa. I pesci non distinguono correttamente la forma bensì i riflessi emessi dalla preda. Studi scientifici hanno rilevato che essi sono più sensibili a certi colori che ad altri. La scala dei colori percepiti varia da animale ad animale. Alcuni sono più sensibili al rosso, altri all’arancio, altri al giallo e così via. Dipende dalla configurazione del loro apparato visivo. L’acqua a sua volta filtra le radiazioni luminose man mano che aumenta la profondità, per esempio il rosso “passa” sino ai 3 metri. Questo nel caso di acqua limpida ma se è torbida, per i più svariati motivi, le cose cambiano peggiorando. Il concetto fondamentale che sta nell’utilizzo di tali esche è il seguente: presentare a qualunque profondità e condizione luminosa un’esca che “mostri” alla nostra preda una colorazione che più la stimoli ad effettuare o continuare un’azione di attacco. Per rendere al meglio, entrambi i tipi di esca vanno utilizzati nelle giuste condizioni, ossia acque torbide e o con luminosità scarsa o addirittura assente. Un’esca fluorescente può essere utilizzata sino ad una profondità massima di 2-3 metri. Oltre tale profondità è meglio passare ad esche fosforescenti. Esse, considerando il fatto che emettono luce propria, non sono condizionate dalle condizioni ambientali. In altre parole profondità, opacità, luce, non hanno importanza, loro emettono comunque luce. Pensiamo al vantaggio non indifferente di rendere più visibile la nostra esca su fondali di oltre 5 metri con acqua magari estremamente torbida dove non si vede nulla. Se gli artificiali “fluorescenti” si trovano ormai in tutti i negozi quelli fosforescenti come le rispettive vernici non sono di facile reperibilità. Occorre affidarsi a quei pochi negozi locali che si riforniscono all’estero o acquistarli direttamente in Internet
RICERCA
Cerca in SpinningOnLine
 

Il pescatore di tempo - di Michele Marziani
ARTICOLI PUBBLICATI
< dicembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
 Catalogati per mese:
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Ultimi articoli inseriti
Articoli più letti
SONDAGGIO
Il futuro della pesca sarà solo nelle riserve e cave a pagamento?

 Si
 No
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.