• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con artificiali
\\ Home Page : Articolo

TECNICA - I canali artificiali

Di Giuseppe Boschetti (del 25/06/2008 @ 12:04:49, in Tecnica, letto 35914 volte)

Cemento da un lato e cemento dall'altro lato, con l'acqua che scorre nel mezzo più o meno lenta. E' questa in sintesi la struttura di un canale artificiale. Sicuramente il posto più brutto, dal punto di vista visivo, in cui andare a pescare.
Canale Emiliano-romagnoloBruttezza non significa assenza di pesci anzi. La popolazione ittica varia a seconda del luogo da cui il canale preleva l'acqua che scorre nel suo letto artificiale.
Per esempio nella Muzza che preleva l'acqua dall'Adda troviamo trote. Nell'Emigliano-Romagnolo, le cui acque derivano dal Po, sono presenti lucci, black-bass, lucioperca e siluri. Nei Navigli, alimentati dal Ticino, si trova un po' di tutto, con gli "abitanti"che variano a seconda si vada nella zona di "prelievo" o di "rilascio".
I cavedani sono presenti ovunque!
Sbagliato pensare anche che le taglie delle catture siano sempre piccole. Pezzi da "90" ci sono.
Se il cibo è presente il predatore di turno lo mangia ed ingrassa. Tornando all'aspetto, quello che lascia più perplessi è la mancanza dei classici riferimenti intorno a cui far muovere le nostre esche. Se l'acqua è limpida si vedono le immancabili scie di erbe acquatiche in prossimità del fondale ed i soliti rifiuti "umani" tipo copertoni, lavatrici e via discorrendo, ma niente di più. Un po' pochino!
In realtà oltre a quelli elencati ve ne sono altri ben visibili ma a cui noi non siamo abituati a pensarli come spot di lancio.Schema spot di lancio
I più evidenti, anche per le dimensioni, sono i ponti ed i sistemi di chiuse. Qui la struttura del canale forma rientranze, dovute ai piloni di sostegno e ad altri "marchingegni". Ottimi nascondigli per i predatori da cui sferrare l'attacco, favoriti anche dalle ombre proiettate in acqua dalle strutture soprastanti.
Ben visibili anche i sistemi di rallentamento del flusso d'acqua. Queste barriere, che attraversano parzialmente il canale, offrono zone di riparo e di caccia a corrente nulla o quasi, in cui stazionano le nostre prede in attesa di qualche ignaro "boccone" transiti a portata dei loro denti.
Di difficile interpretazione sono gli scalini di manutenzione. Per i pesci ricreano una specie di micro zona della corona, classica di fiumi e laghi. Al riparo tra un gradino e l'altro, il predatore staziona visionando il "traffico" sopra la propria testa.
Faticosamente individuabili sono invece le eventuali rotture nelle pareti del canale. Crepe, più o meno estese e profonde, rappresentano delle piccole "primate" formando tane e ripari sia per i predatori che per le prede. Da non sottovalutare quindi i lanci ed i recuperi lungo le pareti apparentemente "inutili ed infruttuose" del canale.
I nostri rifiuti, se "grossi" come lavatrici, carrelli della spesa, copertoni etc., forniscono tane e nascondigli.
Un avvertenza molto importante. Le pareti dei canali, dritte od inclinate che siano, sono spesso estremamente viscide. Un'eventuale caduta in acqua, se non si ha un appiglio nelle immediate vicinanze a cui aggrapparsi, può trasformarsi rapidamente da un bagno rinfrescante ad una tragedia. Occhio quindi a dove si mettono i piedi!

RICERCA
Cerca in SpinningOnLine
 

Il pescatore di tempo - di Michele Marziani
ARTICOLI PUBBLICATI
< luglio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
 Catalogati per mese:
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Ultimi articoli inseriti
Articoli più letti
SONDAGGIO
Il futuro della pesca sarà solo nelle riserve e cave a pagamento?

 Si
 No
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.