• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con artificiali
\\ Home Page : Articolo

ITINERARIO CAMPANIA - Il Volturno a Capua (CE)

Di Redazione (del 22/03/2006 @ 11:16:00, in Campania, letto 36659 volte)
Il Volturno è un fiume magico, il più grande di tutta l'Italia Meridionale con cento realtà diverse e mille panorami, dalla sorgente alla foce. Certamente non bastano poche righe per descriverlo tutto, in questo articolo parliamo del tratto sicuramente più famoso ed importante sia a livello agonistico che per le catture che è possibile effettuare.
Dopo anni di attesa Capua si riconferma capitale dello spinning.
MAPPA

In verità già qualche anno fa, un po per gioco, lanciammo in nostri artificiali e qualche cavedano venne su. Poi col passare del tempo abbiamo iniziato a capire i gusti dei pesci e qualli che salivano su erano circa 7-8 per battuta. Poi nell'ultimo anno abbiamo trovato i posti migliori e le catture non si sono contate.
Da allora a Capua si è riscoperto lo spinnig. Pescatori di tutto punto si presentano sulle sponde armate solo delle corte canne e di artificiali leggerrissimi, anche se io, personalmente, ho allamato i cavedani con artificiali da luccio.
Un esca rivelatasi inaspettatamente magica, pronta a sostituire il classico martin, è l'ondulante argentato da mare con la paletta o ciufetto rosso in cosa. Posso assicurare che in alcuni momenti si rileva molto produttivo. Con questo artificiale si fanno lanci più lunghi e provoca meno attrito nella corrente.

LA NOVITA' ASSOLUTA

CAPUAUn giorno mentre con l'amico Celentano (titolare dell'ononimo negozzio di pesca) si parlava di barbi, è arrivato un ragazzo che pocanzi aveva acquistato un martin giallo, è entrato nel negozio e ha detto: "potete dirmi che pesci sono questi?" - non credevamo ai nostri occhi, erano proprio tre bellissimi persici reali. Il ragazzo aveva riferito di averli presi a valle del ponte della ferrovia. In un primo momento abbiamo pensato seriamente che il ragazzo era stato indottrinato da qualche amico buontempone per prenderci in giro. Poi come San Tommaso abbiamo voluto toccare con mano e quando i "reali" sono saliti a galla (sempre insieme a magnifici cavedani) è iniziata la ricerca teorica su come quei pesci abbiano deciso di mettere su casa proprio a Capua. Le teorie sono varie, c'è chi dice che la qualità delle acque sia migliorata nettamente (è questo è sacrosantamente vero); chi dice che siano arrivati durante l'ultima piena (è questo può essere); chi invece come me pensa che qualche buon benefattore li abbia presi altrove per e li abbia poi immessi a Capua dove si sono moltiplicati. La teoria più plausibile è che la natura stia lentamente riprendendo il sopravvento sull'inquinamento riportando le acque all'antico splendore. Non dimentichiamoci che mezzo secolo fa qui c'erano gli storioni e le alose. Alose che nella primavera 2002, miracolosamente si sono rifatte vive in prossimità della foce, fino ad arrivare a Cancello Arnone, dove poi non sono più andate avanti per mancanza delle scale di rimonta (i cui fondi per realizzarle furono stanziati e mai utilizzati) e perché sterminati dagli enormi "cala cala" (termine locale per definire le enormi bilance del Volturno).
Sempre quest'anno, a valle del ponte della ferrovia e verso Brezza, sono venuti fuori numerosi punti di acqua bassa dove è possibile scendere in acqua senza affondare, allora come per incanto ecco spuntare i pescatori a mosca, anche se si è in una prima fase sperimentale per cercare di capire che mosce funzionano.
Il fiume, dicevamo, attraversa tutta Capua, qui troviamo tre famosissimi campi di gara: il Campo Sportivo, il Casilino e il Paperino. Orbene non vi è un agonista di fama che non abbia mai calcato io tratto capuano del Volturno, a Capua una volta l'anno viene effettuata una delle gare finali del campionato Italiano di pesca al colpo; Trabucco, Milo, Casini, Barbetta e tanti altri la conoscono bene ed hanno imparato ad apprezzarla.
Il Campo Sportivo (detto così perchè si trova alle spalle del campo di calcio) è sicuramente il più impervio ed isolato, qui però si pescano i cavedani più grossi in assoluto. Gli altri due campi si trovano a ridosso dell'abitato e sono densamente frequentati sia dai garisti che dai pescatori per diletto.
Oltre ai campi gara suddetti vi è poi un sabbione che si trova tra il casilino e il paperino. Qui lo spinning rende discretamente. Non vi sono alberi che ci possono impedire il lancio e il fondo è abbastanza uniforme. Altra prerogativa importante è che in questo punto è quasi a ridosso del ponte, proprio nella buca all'altezza della curva dove si accumula tutta la pastura lanciata in acqua dai pescatori del casilino. Ciò fa in modo che vi sia un numero costante di pesci in ogni momento. Oggi però parliamo specialmente di cavedani. Bei cavedani, che nel periodo invernale perdono tutta la loro diffidenza e abboccano anche a montature rozze e terminali da "Surf Casting".
I punti migliori per lo spinning sono le cascatelle sotto ai ponti che si trovano a ridosso dell'abitato e sono facilmente accessibili. Qui non scendete assolutamente con i piedi in acqua, ci sono buche profonde e sabie mobili, state sempre con il piede all'asciutto.
Potrà capitare in certe giornate che i cavedani siano più sospettosi e allora, in caso di corrente molto lenta, dovremo impiagare il micro spinning con artificiali di pochi grammi.
Qui parecchi pescatori con canne delicate e sensibili, spesso, non riescono a salpare le grosse prede che mettono allo spasimo tutta l'attrezzatura regalando combattimenti bellissimi.
Quando si giunge a Capua per prima cosa bisogna capire l'umore dei pesci, affacciandosi dal ponte, se l'acqua non è torbida, si vedono nitidamente i banchi di pesci e si può subito individuare la posta giusta.
A Capua vi sono quattro negozi di pesca molto forniti, due di essi si trovano proprio sulla riva del fiume. Si trova ogni tipo di esca tutti i giorni, ogni tipo di pastura ed ingrediente per personalizzarla, moltissimi tipi di artificiali, nonché attrezzature specifiche per la pesca in acque interne e si può scegliete tra tutte le marche del settore a seconda di ogni tasca.

COME ARRIVARE A CAPUA
Autostrada A1 Milano-Napoli uscita Capua, proseguire per il centro cittadino. Per accedere al sabione e al paperino si scende da una strada sterrata posta all'altezza del ponte da dietro il distributore di benzina. Al casilino si accede agevolmente dalla strada "Riviera Casilino", qui si può agevolmente lasciare l'autovettura in uno dei parcheggi custoditi. Al campo sportivo si accede lungo una strada sterrata dietro lo stadio, qui consigliamo di non andarci da soli, non si sa mai, il posto è isolato.
Al sabbione e al paperino si scende per una comoda strada con accesso di fianco alla clinica. Da qui si raggiunge anche il ponte della ferrovia. Il Tratto dei persici reali si raggiunge percorrendo una strada sterrata dietro l'ex stabilimento Pirotecnico. Scendendo poi verso la strada per Brezza si trovano numerosi punti di acqua bassa bove è possibile scendere piedi in acqua.
Le foto dei posti e delle catture sono visionabili presso il negozio di pesca dell'amico Celentano sulla via Riviera Casilino.
Altra strada per Capua è la Via Appia sia che si provenga da Napoli che da Roma.
Capua si trova a circa 170 km a sud di Roma, 25 a nord di Napoli e 5km da Caserta.


L'itinerario è stato suggerito da:
Stefano Montone Presidente della O.N.L.U.S. - Associazione Fiume Volturno
Rivolgersi direttamente all'autore per qualsiasi delucidazione.

Previsioni meteo della zona Mappa aerea Itinerario
RICERCA
Cerca in SpinningOnLine
 

Il pescatore di tempo - di Michele Marziani
ARTICOLI PUBBLICATI
< ottobre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
 Catalogati per mese:
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Ultimi articoli inseriti
Articoli più letti
SONDAGGIO
Il futuro della pesca sarà solo nelle riserve e cave a pagamento?

 Si
 No
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.