• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con artificiali
\\ Home Page : Articolo

I Minnow - Prima parte

Di Gianantonio Conzadori (del 07/11/2012 @ 15:27:50, in Esche, letto 32957 volte)

Se esistesse il Premio Nobel nella categoria Pesca Sportiva , credo che Lauri Rapala lo avrebbe vinto sicuramente. Era il 1936 quando questo umile pescatore professionale del profondo nord finlandese, realizzò quella che sarebbe diventata l'esca artificiale più utilizzata nel mondo : il Minnow .
La sua idea era semplice e rivoluzionaria allo stesso tempo , un pesciolino artificiale copia fedele nella sagoma , colore e movimento , di quelli che nel lago in cui pescava abitualmente , erano preda dei grandi lucci , salmoni e trote . Il resto della sua storia è conosciuto , ma un fatto è certo , si era aperta una nuova era nel campo della pesca , quella dello spinning moderno che pratichiamo da qualche decennio.

Vediamo ora di conoscere il capostipite di queste esche , il Minnow galleggiante o floating. Dai primi prototipi costruiti in legni poveri e poco performanti si è passati in seguito al legno di balsa , con ottime caratteristiche di nuoto in acqua e successivamente alla plastica , la quale si è dimostrata altrettanto valida .

rapala originaleCome è fatto :

  1. il corpo principale che può essere di un pezzo solo oppure da due o più sezioni , i cosiddetti snodati o jointed.
  2. l'occhiello a cui annodiamo la lenza.
  3. la paletta.
  4. gli occhielli per le ancorette di pancia e coda.
  5. gli anellini dilatabili (split ring) .
  6. le ancorette.

L'occhiello sul muso e quelli per le ancorette non sono altro che estensioni del telaio in filo d'acciaio che si trova all'interno del corpo.

Come funziona : il minnow galleggiante quando raggiunge l'acqua rimane a galla e la sua azione di pesca inizia nel momento in cui iniziamo il recupero che può essere a strappetti o continuo. Vedremo perciò l'esca affondare sotto il pelo dell'acqua grazie alla paletta , la quale comportandosi come un piccolo timone spinge il corpo verso il basso . Per i predatori che vogliamo catturare , l'attrazione principale è data dallo scodinzolio molto evidente e dall'oscillazione sul proprio asse del minnow , che ricorda loro il pesciolino foraggio abituale. Completa il tutto anche la vibrazione che l'esca trasmette nell'acqua , fattore altrettanto importante in condizioni di acque torbide. Se interrompiamo il recupero il minnow risalirà in superficie , se lo proseguiamo continuerà a nuotare sott'acqua raggiungendo una profondità X , in base alle sue dimensioni / peso.

Dove usarlo : in acque basse o di media profondità , quando conosciamo poco lo spot e gli eventuali ostacoli sommersi. E' possibile naturalmente adoperarlo in acque correnti non troppo veloci , zavorrandolo sulla lenza con un pallino di piombo a circa 25 cm , oppure con una corona di pallini a 50 cm , permettendo così al minnow di lavorare a quote più basse , ma è una tecnica poco praticata oramai.
Di solito la forma della paletta è ovale e di larghezza diversa a seconda dello scodinzolio che vuole dare il costruttore al proprio minnow , perciò avremo minnow adatti per tutti gli ambienti acquatici e altri più indicati per acque ferme o correnti. Sono frequenti palette a forma di gradino , visibili spesso sui minnow snodati , caratteristica che unita al numero maggiore di sezioni , aumenta il movimento laterale dell'esca migliorando l'attrazione verso le prede nei momenti di apaticità o particolarmente smaliziate.
Esistono anche palette squadrate tipo trapezoidale. Le sagome del corpo si sono evolute nel tempo arrivando oramai a un realismo eccezionale di forme riconoscibili sia nei prodotti dei marchi famosi , come per le produzioni semi artigianali.

rapala snodatoDal tipo Floating sono derivati molti altri tipi di minnow , che andremo ora a vedere insieme così da avere un quadro completo per il principiante , come per il lanciatore più esperto, proseguendo la scarrellata con il Minnow Piombato Affondante ( sinking ).

Naturale evoluzione del precedente , del quale mantiene le caratteristiche già analizzate , possiede una zavorra all'interno che aumenta la sua l'efficacia perchè si può lanciare molto più lontano , tiene meglio la corrente dei grandi fiumi e torrenti mantenendo la sua azione attraente anche nella profondità e questo è un fattore essenziale quando le prede risiedono sui fondali.
Un altro aspetto da non trascurare è quello di facilitare l'azione di pesca per coloro che non possiedono una barca. Infatti , lanciandoli con canne dai m.2,40 fino ai 3 sono eccezionali per le grandi trote marmorate , cavedani , aspi in fiume , per persici reali e lucci nelle lanche o nei grandi laghi e anche per i trotoni dei laghetti a pagamento .
Anch'essi possono avere corpo unico , snodato in 2 o più sezioni ( Jointed sinking ) a seconda dei predatori che vogliamo insidiare o degli ambienti di pesca. Si possono usare con successo anche al mare per predatori classici come la spigola e in questo caso le varianti snodate sono le più apprezzate.

Come usarlo : considerando che appena arriva in acqua affonda , dovremo fare un conteggio al fine di valutare quando tocca il fondo ( sentiremo un piccolo tocco sulla punta della canna ). Questo metodo permette di sondare vari strati d'acqua , infatti nei successivi lanci basterà contare qualche numero in meno per essere sicuri di recuperarlo ad una quota più alta. Si muove scodinzolando e oscillando come il Floating con la differenza che saremo noi a guidare il suo nuoto tenendo bassa o alta la punta della nostra canna per sondare le varie profondità. In fiumi e torrenti si lancia un po' a monte praticando una sorta di "passata"con una velocità leggermente superiore alla corrente , ma potremo anche rallentare e sfruttare la forza dell'acqua che farà muovere il nostro Sinking molto naturalmente sondando le profondità , ricordandoci che potrebbe incagliarsi negli ostacoli sommersi come alberi caduti o rocce , ma allo stesso tempo aumentando la possibilità di cattura avvicinandoci maggiormente alle tane dei pesci.
Anche per il Sinking le versioni snodate jointed sono eccezionali con predatori svogliati , dato il movimento più ampio che l'esca assume nel suo nuoto , anche a basse velocità.

Misure utilizzate : Galleggiante Floating dai 5 ai 30 cm , Affondante Sinking dai 3 ai 20 cm a seconda del luogo o della preda.

Per i colori leggete l'articolo di Giuseppe Boschetti dove trovate un'ampia carrellata di consigli.

Fine prima parte. Nelle prossime vedremo l'evoluzione di quest'esca.

RICERCA
Cerca in SpinningOnLine
 

Il pescatore di tempo - di Michele Marziani
ARTICOLI PUBBLICATI
< dicembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
 Catalogati per mese:
Dicembre 2017
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Ultimi articoli inseriti
Articoli più letti
SONDAGGIO
Il futuro della pesca sarà solo nelle riserve e cave a pagamento?

 Si
 No
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.