Rivista per gli appassionati della pesca con esche artificiali
Attrezzature, tecniche, esche, pesci, itinerari, notizie, opinioni e link. Tutto sullo Spinning con divagazioni sulla Mosca.
Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - direttore responsabile Michele Marziani - coordinatore di redazione Giuseppe Boschetti.
spacersx spacer spacerdx
ULTIMI AGGIORNAMENTI
RUBRICHE (346 art.)
Opinioni(68)
Testati davvero(32)
News(157)
Attrezzatura(14)
Esche(16)
Pesci(11)
Tecnica(20)
Curiosità(2)
Cucina(19)
Link utili(7)
FILMATI (5 video)
Video Attrezzatura(0)
Video Esche(4)
Video Pesci(0)
Video Tecnica(1)
289 ITINERARI
Piemonte(47)
Valle d'Aosta(3)
Liguria(6)
Lombardia(28)
Veneto(15)
Trentino Alto Adige(5)
Friuli Venezia Giulia(3)
Emilia Romagna(32)
Toscana(33)
Marche(10)
Umbria(10)
Lazio(17)
Abruzzo(16)
Molise(3)
Campania(11)
Puglia(6)
Basilicata(8)
Calabria(4)
Sicilia(12)
Sardegna(9)
ESTERO(11)
CREATI L'ITINERARIO!


METEO E IDROMETRIA
Previsioni Meteo Italia

Livelli delle acque Italiane
SPINNING IN MARE
Vai al Barracuda Spinning Club
SUGGERISCI
Un Sito, Video(Link)
Un Comunicato (NEWS)
Un Itinerario
• SPINNINGONLINE - MAGAZINE
Conzadoripescasport.com

AVVISI E MANUALE D'USO DEL SITO (Aggiornato il 13/3/09) LEGGERE GRAZIE!!! BACHECA ANNUNCI - MESSAGGI

\\ Home Page : Articolo
ATTREZZATURA - Le pinze BOGA o BOGA-GRIP
Di Gianantonio Conzadori (del 21/02/2012 @ 15:04:45, in Attrezzatura, letto 17355 volte)

Nello spinning la pratica del no-kill e' oramai diffusa , di conseguenza il maneggio e la slamatura delle prede necessita di cautela, sia per la sopravvivenza del pesce , sia per evitare di ferirsi con i denti dei predatori stessi. Andrebbe eliminata anche la foto ricordo alle prede più meritevoli, per non aggiungere ulteriore stress , oltre a quello della cattura stessa e, cosa più importante , evitarle scottature ( le nostre mani sono decisamente troppo calde ) ed eventuali ulteriori abrasioni dovute al "maneggio".
Da alcuni anni troviamo in vendita attrezzi specifici per la salpatura. Per chi ancora non li conosce o non li ha mai visti, in pratica sono dei pinzoni che servono per sollevare il pesce agganciandolo per il labbro. Di origine americana , conosciuti genericamente come "boga", Boga o boga-gripnome abbreviato di boga-grip uno dei primi marchi USA.ad averla commercializzata. Hanno sostituito, per i predatori tipo lucci e luciperca, i guadini da cintura utilizzati da chi va a trote , moschisti o meno.

Il boga classico ha una sagoma esterna cilindrica in metallo ed e' composto da :

  1. una impugnatura (manico) di solito in neoprene o altro materiale sintetico , che facilita la presa . E' corredato da un cordino per assicurarlo al polso evitando di perderlo se la preda da testate energiche.
  2. un fulcro centrale , con due sporgenze laterali anche questo in materiale plastico , sul quale appoggeremo l'indice e il pollice della nostra mano.
  3. le ganasce in acciaio. IMPORTANTE: queste devono poter girare intorno al corpo principale per assecondare il dimenarsi della preda.

Il funzionamento e' semplicissimo. Una volta impugnato saldamente in mano, tiriamo il fulcro verso l'impugnatura. Al suo interno è presente una molla che comprimendosidosi apre le ganasce. Infiliamo nella bocca della nostra preda una delle due parti delle ganasce e rilasciamo il fulcro. Quest'ultima azione serra le ganasce stringendo in modo deciso il labbro il pesce, permettendoci quindi di salparlo agevolmente.

Per quali specie e' consigliato l'uso del boga.

In acqua dolce praticamente solo per il luccio e, se e solo se, per inesperienza non si conosce o ci si fida a fare la presa cosiddetta "opercolare", l'unica che praticata correttamente permette il rilascio indenne del pesce.
I "pikers" esperti saranno sicuramente inorriditi. Consideriamo però l'uso del boga come extrema ratio e che anche al pescatore inesperto puo' capitare di uscire a pesca da solo e di catturarne uno.
Quindi se siamo costretti a immobilizzare il luccio con il boga , applichiamolo delicatamente al labbro inferiore dietro i denti del pesce (preferibilmente in acqua), slamiamolo e se proprio vogliamo scattare una foto, non solleviamolo mai in verticale per evitare di danneggiare ulteriormente la sua mascella e i suoi organi interni, rilasciandolo al piu' presto nel suo ambiente. Può essere utilizzato anche per il lucioperca e l'aspio, sebbene siano pesci piu' tranquilli da slamare, avendo cura di utilizzare le stesse cautele adottate con il luccio.
Non va mai usato per gli altri predatori come trota , black bass, persico e cavedano, in quanto la loro bocca e' molto piu' delicata e soggetta a possibili ulteriori lacerazioni e per i quali il maneggio e il rilascio va sempre fatto con mani bagnate , senza schiacciarli e nel minor tempo possibile.
Se già ne possedete uno con le ganasce che non ruotano, dovete avere i "nervi molto saldi" e senza farvi prendere dal panico, lasciare la presa sul manico appena la preda inizia a dimenarsi. In questa maniera il cordino con cui ve lo siete assicurato al polso , oltre ad evitare di perderlo, funge da "girella" assencondando le eventuali giravolte del pesce. D'istinto si tende a serrare di più il manico e questo porterebbe alla lacerazione o peggio alla rottura del labro del malcapitato predatore.

In acque salate viene usato per barracuda e pesce serra , ma stiamo parliamo di specie molto piu' forti e robuste di quelle d'acqua dolce. Raramente per la spigola a causa della delicatezza della sua bocca.
Per le specie esotiche e tropicali spesso e' adoperato per il peacock bass e altri predatori amazzonici ed anche per i grandi carangidi oceanici.

AVVERTENZA MOLTO IMPORTANTE : se proviamo a stringere le ganasce sulla nostra mano o su un nostro dito, ci accorgeremo che la presa è veramente salda, forte e concentrata in una piccola zona. La nostra pelle è decisamente più resistente del labbro di un luccio o di un'altro pesce d'acqua dolce. Inseriamo quindi sulle ganasce del boga dei pezzetti di gomma , neoprene o sughero in modo da ampliare la zona "della morsa" e renderla "più morbida". La presa restera' salda e la bocca del pesce sara' meno pressata e si eviteranno eventuali lacerazioni. Se durante l'operazione la preda si muove , cerchiamo di assecondarla il più possibile per scongiurare inutili torsioni del suo corpo.

Nei negozi oltre al modello base , quello classico , si trovano modelli più evoluti per esempio con le ganasce rotanti, il cui scopo è quello di assecondare le eventuali rotazioni dei pesci durante la manovra di slamatura, oppure con una bilancia e/o metro incorporati. Vengono venduti con prezzi (2012) che partono dai 20,00 euro scarsi per arrivare fino agli 80-100,00 euro. Sebbene ci sia una differenza di prezzo notevole, dovuta a dove e come qualitativamente sono stati realizzati e se hanno ganasce girevoli e/o bilancia e/o metro incorporato, i modelli piu' economici fanno benissimo il loro lavoro e non sfigurano affatto nei confronti di quelli piu' blasonati.
Se state considerando di acquistarne uno e non avete i "nervi saldi", scegliete almeno un modello che abbia le ganasce girevoli così da scongiurare le manovre più maldestre che inevitabilmente vengono commesse agli inizi.

 
 
 
 
 
Nessun commento trovato.

INSERISCI UN COMMENTO

Per poter aggiungere un commento devi autenticarti!

Nick:
 

Password: 
Non ancora registrato? Registrati!   Ho perso i dati!
UTILITA'
Condividi Add to Flipboard Magazine.

 
Feed XML RSS 0.91      Feed XML Atom 0.3

Please Translate
Cerca nel Web
Ricerca personalizzata
Convenzioni - clicca per avere i bonus sconto

SpinningOnLine su Facebook=
Troverai anche gli album fotografici di alcuni itinerari e le foto dei fan

SpinningOnLine su Twitter=
Per essere informato in tempo reale

Sito NEGOZIPESCA.ITY

la trota ai tempio di Zorro  
Acquista on-line il libro
Cerca in SpinningOnLine
 

< novembre 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Titolo
Catalogati per mese:

Ultimi articoli inseriti


Articoli più letti


Articoli più commentati

Ultimi commenti:
Salve a tutti, E' un...
28/09/2014 @ 18:56:49
Di omar54
Ciao a tutti, mi son...
06/09/2014 @ 21:42:38
Di claudiocoach
Ciao a tutti ,mi son...
11/08/2014 @ 11:27:06
Di RobertoPerolfi

Titolo
Il futuro della pesca sarà solo nelle riserve e cave a pagamento?

 Si
 No

Alieutica Network
Vai al sito della Associazione Mario Albertarelli
Sostieni Alieutica, Iscriviti!
27/11/2014 @ 3.33.57
script eseguito in 47 ms
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
 Home page © Copyright 2003 - 2014 Tutti i diritti riservati.
powered by dBlog CMS ® Open Source