• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con artificiali
\\ Home Page : Articolo

ATTREZZATURA - Ami ed Ancorette

Di Claudio Saba (del 26/09/2007 @ 17:35:37, in Attrezzatura, letto 57663 volte)
Ami e ancorette sono in assoluto i dettagli più trascurati della nostra attrezzatura, eppure sono proprio loro che garantiscono il collegamento tra noi e le prede e hanno la grande responsabilità di bloccare il pesce ed impedirgli di riprendersi la libertà. L'amo, oltretutto, è lo strumento di pesca più antico, il comune denominatore di tutte le tecniche di pesca sportiva; almeno apparentemente, è anche la componente dell'attrezzatura da pesca che nel corso degli anni ha subito i minori cambiamenti. I sofisticatissimi modelli attuali assomigliano in modo incredibile ai primi ami in rame e in bronzo realizzati dall'uomo migliaia di anni fa; e non molto diversi erano gli ancora più antichi ami in legno, in osso e conchiglie, addirittura risalenti a quasi diecimila anni orsono. Ami ed ancoretteTrascurare ami e ancorette è forse dovuto, almeno in gran parte, proprio al fatto che ad un esame superficiale i vari modelli sembrano tutti molto simili; per molti pescatori è quindi praticamente ininfluente utilizzare un modello piuttosto che un altro. L'altra motivazione, per gli spinner, deriva dal fatto che nella stragrande maggioranza dei casi le esche artificiali vengono già corredate di ancorette (più spesso) o ami doppi o singoli (più raramente). E così, quasi sempre, ci si fida della casa costruttrice confidando sulla bontà delle ancorette in dotazione, che verranno cambiate solo quando la ruggine le avrà rese inutilizzabili. Bisogna anche riconoscere che le ditte più serie e note dotano le loro esche di ancorette e ami di buona qualità, ma purtroppo non è sempre così e anche esche molto utilizzate vengono commercializzate con ami scadenti o non adatti. Non è infrequente trovare minnow, popper o jig con ami e ancorette con scarsa capacità di penetrazione o resistenza non sufficiente a reggere il combattimento con grandi ed energiche prede. In questo modo, un dettaglio apparentemente insignificante come l'amo può fare la differenza tra tornare a casa con una bellissima preda o con un travaso di bile. Il problema si pone in particolare con alcune specie che hanno un apparato boccale che non offre una grande presa agli ami o che hanno la fastidiosa abitudine a slamarsi con facilità grazie alle loro acrobazie dopo la ferrata. In testa abbiamo sicuramente il pesce serra che oltre a possedere entrambe queste caratteristiche, sfodera anche una reazione violenta ed una energica difesa una volta allamato, aumentando il rischio di slamatura per apertura delle ancorette. Prima di entrare nello specifico vediamo un po' come sono fatti gli ami. Tralasciando quelli a paletta che non interessano, per ovvi motivi, lo spinning, un amo è essenzialmente composto da un occhiello (eye in termine anglosassone) che serve per il collegamento con l'esca finta, un gambo (shank) più o meno lungo, una parte curva (bend) a circa 180 gradi che termina quindi con la punta (point). A brevissima distanza dalla punta è presente l'ardiglione (barb), una piccola sporgenza posta quasi sempre nelle parte interna (a parte rarissime eccezioni) e che ha il compito di evitare la fuoriuscita dell'amo dalla bocca del pesce. Alcuni modelli, studiati appositamente per consentire il rilascio della preda con il minor danno possibile, ne sono privi e vengono indicati come "barbless". L'apertura dell'amo (gap) è la distanza tra la punta e il gambo, mentre quella tra la punta e l'apice della curvatura viene indicata come profondità o gola (throat). Il disegno allegato è più chiaro di qualsiasi descrizione. I vari modelli di ami si differenziano soprattutto per variazioni nella forma, dimensioni e rapporti tra questi elementi. Abbiamo così ami corti e lunghi, chiusi o aperti, con punta dritta o rientrante, con filo sottile o robusto e così via. Dall'unione di due ami singoli nascono gli ami doppi, da tre ami le ancorette. Gli ami doppi sono poco utilizzati nello spinning, mentre le ancorette sono di gran lunga più diffuse, per lo meno nelle hardbaits. Generalmente cucchiaini ondulanti, jig metallici e skipping sono dotati di una sola ancoretta in coda mentre minnow e popper ne possiedono tipicamente due e talvolta anche tre (a mio modesto parere la terza è assolutamente inutile). Come già accennato, talvolta le ancorette sono troppo piccole o non adatte alle acque salate, in tal caso conviene cambiarle alla prima occasione. Inutile ricordare che è indispensabile acquistare solo ancorette stagnate o comunque trattate anticorrosione, quelle nichelate si arrugginiscono appena vedono il mare. In altri casi sono decisamente poco robuste per i predatori marini più gagliardi e anche in questo caso è opportuno procedere subito alla loro sostituzione, soprattutto se prevediamo di affrontare prede di taglia. Ami e ancorette vengono classificati con un numero che indica la loro dimensione, crescente al diminuire del numero fino ad arrivare al n° 1. Oltre questa dimensione il numero viene seguito da un barra con uno zero, e cresce all'aumentare del numero. Ma questo credo lo sappiano ormai tutti. Quello che invece molti non conoscono è la dimensione delle ancorette a seconda della taglia del pesciolino. La seguente tabella può aiutarvi a scegliere le ancorette di ricambio, almeno a grandi spanne.

Lunghezza minnow o popper

Taglia ancorette

7 cm

da 5 a 7

9-10 cm

da 2 a 5

11 - 12 cm

da 1 a 3

13 - 14 cm

da 2/0 a 2



La misura delle ancorette possono però dipendere dal modello (gambo corto o lungo), dalla forma del pesciolino ed alle prede a cui è destinato, considerate quindi la tabella come puramente indicativa e tenete conto che nel caso di pesciolini con tre ancorette le dimensioni devono ovviamente essere ridotte. Nel caso di ami singoli la variabilità dei modelli è tale da non consentire di dare indicazioni seppur generiche, occorre in questo caso andare per tentativi. Le dimensioni degli ami per gli artificiali da mare più utilizzati variano comunque tra 1 e 8/0. Tra l'altro, occorre considerare che la classificazione di ami e ancorette tiene conto fondamentalmente della dimensione dell'apertura e di quella della gola, ma i vari produttori possono applicare questi parametri in modo non omogeneoSerra amo singolo, quindi a parità di numero possiamo trovare ami e ancorette di dimensioni diverse, e le differenze sono ancor più sensibili se confrontiamo tipologie di ami differenti. Oltre alle dimensioni, in qualche caso può essere importante conoscere la classe di resistenza delle ancorette, soprattutto se insidiamo grosse prede. Questa indicazione non sempre è fornita, talvolta viene riportata nella confezione la classificazione USA: 1X, 2X, ecc., fino a 6X in alcuni modelli di eccezionale resistenza. Per i predatori delle nostre acque, si utilizzano al massimo ancorette di resistenza 4X che resistono tranquillamente alle sollecitazioni di un enorme leccia o del più incavolato dei serra. Ricordo, infine, che sostituire le ancorette con modelli sensibilmente differenti da quelli originali può compromettere il nuoto dell'esca.


Ami singoli o ancorette?

Negli ultimi tempi si sta diffondendo anche tra gli spinner marini una pratica già sperimentata in acque dolci, cioè la sostituzione delle ancorette dei pesciolini finti con ami singoli, per i vantaggi che questi offrono. Innanzi tutto, gli ami singoli garantiscono un minor rischio di incagli quando peschiamo con i minnow in fondali di rocce a bassa profondità. Rispetto alle ancorette, pronte a sfruttare ogni appiglio delle rocce, gli ami sono ovviamente molto meno propensi ad abbracciare scogli e vegetazione sottomarina. Utilizzando ami singoli le probabilità di litigare per diversi minuti con rocce ed altri ostacoli sommersi (e magari di regalare al mare i nostri preziosi minnow) si riducono moltissimo ed abbiamo così la possibilità di esplorare fondali irregolari e poco profondi senza troppi patemi. Ma il vantaggio maggiore degli ami è la maggior tenuta durante il combattimento, soprattutto con prede vivaci o di notevole potenza; un pesce dotato di buone mascelle può aprire o schiacciare una ancoretta molto più facilmente rispetto all'amo singolo, che rispetto alla prima non offre punti dove far leva. Gli ami singoli riducono, inoltre, i danni alla preda e consentono una più agevole slamatura, aspetti fondamentali soprattutto nel caso di rilascio della stessa. Un ultimo aspetto positivo, magari apparentemente trascurabile ma che si apprezza nella pratica, è il minore ingombro degli ami e la maggior facilità con cui si conservano e si tolgono gli artificiali dalle scatolette senza dover impazzire con i tipici grovigli delle ancorette. L'unico rilevante svantaggio dell'amo singolo è una minor sicurezza nella ferrata, con maggiori percentuali di attacchi a vuoto, in particolare se il predatore aggredisce l'artificiale lateralmente. Infatti, è soprattutto l'amo centrale a non garantire una presa sicura proprio per l'ostacolo costituito dal corpo del pesciolino. Per questo motivo molti spinner preferiscono, su minnow e popper, sostituire solo l'ancoretta in coda e lasciare quella centrale. Altro disagio può derivare dalla necessità di montare gli ami utilizzando un doppio anellino spaccato. Infatti, poiché la maggior parte dei modelli ha l'occhiello ortogonale rispetto al gambo, occorre un anellino supplementare (split ring) in modo da mantenere la curva dell'amo in linea con l'asse longitudinale del pesciolino. Questo è fondamentale soprattutto con l'amo centrale, che ovviamente deve avere l'apertura rivolta verso il basso, mentre può essere secondario per l'amo in coda. Sul modo di montare quest'ultimo vi sono opinioni differenti: c'è chi preferisce montarlo sempre con la punta verso l'alto (minore rischio di incagli), chi con la punta verso il basso (maggiore possibilità di penetrare in un punto molle della bocca) e chi lo monta invece con la punta rivolta lateralmente con il vantaggio di utilizzare un solo split ring e per la maggiore probabilità di allamare il pesce nell'angolo della bocca (uno dei punti più sicuri). Il doppio anellino è scomodo soprattutto perché allontana necessariamente l'amo dal punto di attacco sull'esca oltre ad aumentarne la mobilità, anche se alcuni colleghi ritengono che questo sia un vantaggio per le allamate. L'unico modo per evitare due split ring in sequenza è reperire modelli con l'occhiello in asse rispetto al gambo (rarissimi e costosi) oppure si può provare a piegare l'occhiello manualmente, con l'aiuto di una pinza e dopo aver scaldato il gambo con una fiamma. Per finire, un breve cenno sulla tipologia degli ami da utilizzare, anche se questo è un aspetto spesso legato a preferenze e gusti personali. In linea generale, un'apertura larga aumenta le possibilità di allamare il pesce mentre una più stretta rende più difficile la slamatura; occorre quindi trovare un giusto compromesso. Le esperienze maturate negli ultimi anni da molti spinner sardi e non, hanno confermato la validità degli ami con curvatura piuttosto ampia e punta rientrante ma non troppo, quindi i modelli semi-circle che sembrano garantire, rispetto ai più classici J-hook, una migliore tenuta della preda una volta allamata anche e soprattutto nel caso di avversari difficili come i pesci serra. Più rischioso invece l'uso dei "circle" veri e propri con i quali la percentuale di ferrate a vuoto è sicuramente maggiore a causa dell'apertura troppo ridotta.
RICERCA
Cerca in SpinningOnLine
 

Il pescatore di tempo - di Michele Marziani
ARTICOLI PUBBLICATI
< giugno 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             
 Catalogati per mese:
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Ultimi articoli inseriti
Articoli più letti
SONDAGGIO
Il futuro della pesca sarà solo nelle riserve e cave a pagamento?

 Si
 No
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.