Logo pinning On Line
• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con esche artificiali

ESCHE - LA RANA

Di Giuseppe Boschetti (del 17/03/2006 @ 19:06:12, in Esche, letto 60324 volte)

In commercio esistono parecchie varieta' di rane sia in gomma siliconica che rigida. Indipendentemente dal materiale costruttivo la riproducono in maniera piu' o meno fedele. Alcune invece hanno forme di fantasia o "mezza rana".

rana siliconicaDescrizione : considerando solo quella in gomma siliconica (sono le migliori), in genere oltre a riprodurre degnamente la forma "originale", hanno tutte ami rigorosamente antialga visto l'ambiente in cui viene utilizzata. All'atto dell'acquisto dovete tener conto di queste due cose:

1) dimensioni contenute ( corpo max 4 cm. gambe escluse )

2) la morbidezza, ma principalmente le zampe che siano mobili

Purtroppo non mi ricordo la marca della rana di gomma visibile in figura. Si trovano anche imitazioni realizzate in balsa con pallini all'interno, paletta sul muso ed ancorina sulle "zampe" stile minnow (rapala). Funzionano ma il loro utilizzo e' pero' limitato solo nelle zone che costeggiano gli ostacoli o in mezzo agli spazi liberi degli stessi.

Pesci interessati e zone di lancio : black bass e lucci. luoghiNelle vicinanze delle rive dove c'e' un po' di vegetazione, ai lati e sopra i banchi di ninfee , sopra gli erbai sommersi ed in mezzo o ai lati degli stessi se affiorano, ai lati di rami piante ed ostacoli vari. Anche in piena acqua libera se si intravedono zone in cui ci sono brusche variazioni di profondita' tipo buche etc. in cui il pesce si nasconde per portare l'attacco. Si usa principalmente nel periodo caldo ( da Giugno a Settembre ) quando appunto le rane sono presenti nei fossi e lungo le rive di fiumi e lanche.

Come si recupera : nel caso di imitazioni in balsa la cosa e' semplice, si recupera piu' o meno lentamente cercando di variare sia la velocita' che la direzione effettuando ogni tanto una pausa. Veniamo ora al caso di rane viniliche. Innanzitutto la cosa principale e' cercare di farla muovere imitando il piu' possibile il movimento naturale, quindi osservate con estrema attenzione i movimenti di una rana vera in acqua o sulle ninfee per memorizzarli e cercare di ripeterli. Dividiamo in due casi :

  • Esca sopra le ninfee o erbe : recuperare a piccoli strappetti tali da imitare piccoli salti, portando l'esca al margine dell'acqua "libera". Qui farla cadere e recuperarla a strappi piu' lunghi facendola arrivare e salire sulla prossima foglia o erba. E' in questo frangente che avviene l'attacco. Ferrare con estrema prontezza. Purtroppo la rana viene principalmente presa per le zampe come si puo' notare dalla foto, quindi non si puo' essere certi se il pesce, nella foga, ha preso in bocca anche l'amo. Molte le ferrate a vuoto.

  • Esca in acqua "libera" : recuperare a strappi seguiti da pause in modo da far distendere e ritirare le zampe alla rana imitandone la nuotata. Dato che in genere vediamo l'esca e' abbastanza facile capire se il pesce, una volta effettuato l'attacco ( cercate di stare calmi ), ha in bocca o meno l'amo ferrando quindi di conseguenza.
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.