Logo pinning On Line
• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con esche artificiali

ATTREZZATURA - LA CANNA

Di Giuseppe Boschetti (del 11/03/2006 @ 09:47:49, in Attrezzatura, letto 80370 volte)

Contrariamente alle altre tecniche di pesca non esiste una vera e propria canna da spinning, nel senso che ne esistono diverse a seconda dell'utilizzo. Spieghiamo meglio. In linea teorica lo spinning e' diviso in tre categorie: leggero ( trote e cavedani, piccoli artificiali , torrenti), medio ( cavedani , black, artificiali di peso medio , medi fiumi ) e pesante ( grossi predatori ed artificiali, lanche , laghi, grandi fiumi). Tipo di cannaOgnuna di queste categorie ha le proprie prede, i propri artificiali e luoghi. La canna ne "asseconda" la tipologia. Il discorso va bene se uno abita per esempio in alta montagna e pescherà sempre nei torrentini sotto casa. Ma se uno abita altrove e gli piace girare cosa fa ? Si porta appresso i tre tipi di canne ? Chiaramente no. Bisogna arrivare ad un compromesso. La canna deve soddisfare certi requisiti che per semplificare riduco a : lunghezza, potenza, azione.

Lunghezza : varia tra 1.6 mt. e 2.4 mt.

Potenza : indica l'intervallo dei pesi degli artificiali che la canna lancia in modo corretto.

Azione : puo' essere "di punta" ( si flette solo la parte finale, il cimino ), "parabolica" ( si flette in tutta la sua lunghezza ), "progressiva" ( si flette in base al forza con cui il pesce si difende in fase di recupero )

Appare evidente che variando i tre parametri si hanno "infinite" combinazioni che possono soddisfare qualunque tipo di esigenza  ( es: pesca alla trota in torrentini infrascati - canna corta  con potenza tra 1 - 5 gr., pesca al luccio canna sui 2.4 mt. e di potenza tra 10-30 gr. - etc.). E' evidente che a seconda delle scelte posso ricadere nella "classificazione" teorica dell'attrezatura descritta sopra. Il più delle volte, per chi ama variare zona, la scelta ricade su una soluzione intermedia che permette di fare più o meno tutto in modo decente.

Semplificando ulteriormente la canna "ideale" per chi vuole provare od iniziare a pescare a spinning, deve avere una lunghezza intorno a 1.9 mt. ed una potenza tra 4-15 gr. che ci permette di poter lanciare artificiali per tutti i pesci pescabili. Per quanto riguarda l'azione dipende un po' dai gusti personali, io per esempio preferisco un'azione di tipo parabolico. I materiali costruttivi ( fibra di vetro, carbonio ) e tipo di costruzione ( telescopica , a 2-3 innesti ) dipendono anch'essi sia dai gusti che da quanto uno e' disposto a spendere e dal tipo di pesca che si intende fare. Se per esempio uno e' amante della pesca alla trota su torrentini a volte inpraticabili e' meglio usare una telescopica, che si può riporre facilmente nel tascone del gilet (visto l'ingombro) in modo da avere le mani libere per potersi magari arrampicare sulle rocce del torrente. E' chiaramente un'esigenza particolare.
Fate attenzione agli anelli guidafilo, evitate quelli in puro metallo che rischiano di trasformarsi, in caso di incuria od urti, in  perfette lame.

Un'ultimo consiglio riguarda il peso e la bilanciatura dell'insieme canna-mulinello. E' meglio che il tutto sia il piu' leggero possibile e che il baricentro sia in prossimita' dell'innesto del mulinello in modo da non affaticarvi inutilmente il polso.

© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.