Logo pinning On Line
• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con esche artificiali

NEWS - Manifestazione "NO TUBE" : grande successo!

Di Redazione (del 25/09/2008 @ 11:34:05, in News, letto 21995 volte)

Riportiamo integralmente il comunicato sul resoconto della manifestazione tenutasi il 23 settembre 2008 presso la sede della Regione Emilia Romagna a Bologna.

"Ieri il Consiglio regionale ha segnato un grosso punto a favore della nostra  battaglia. L’Assemblea ha votato all’unanimità (47 voti su 47) una mozione presentata da verdi, rifondazione, sinistra democratica e partito democratico. Il testo della mozione ricalca, con piccole modifiche, quello che noi abbiamo proposto. La mozione chiede alla Giunta Regionale (il governo della Regione) di emanare una direttiva che metta regole nel far west delle centraline. La Giunta sta già scrivendo questa direttiva, ma, come abbiamo detto altre volte, con un testo che, a causa di alcune ambiguità, rischiava di non essere utile o addirittura di essere controproducente. La mozione chiede quindi alla Giunta che nella direttiva vengano rispettati i seguenti punti salienti:

1. Qualità delle acque. Si chiede che le qualità biotiche e morfologiche (cioè dell’ecosistema acquatico, e non solo dell’acqua come elemento chimico) rimangano inalterate nel tratto dove l’acqua viene sottratta. Questo principio, se verrà applicato correttamente, garantisce in modo molto stringente la salvaguardia dell’ambiente fluviale.

2. Priorità nella localizzazione degli impianti a tutte le situazioni dove l’impatto ambientale sarebbe minore (strutture storiche già esistenti, canali artificiali, mulini, ecc.). Cosa che noi diciamo dal primo giorno.

3. Non interferenza con gli obiettivi di miglioramento. La regione Emilia Romagna ha adottato un Piano di Tutela delle Acque che pone obiettivi di miglioramento per ogni corso d’acqua. Si chiede che la Valutazione di Impatto Ambientale dei progetti verifichi anche che i progetti stessi non ostacolino o ritardino il raggiungimento di tali obiettivi.

4. Pianificazione Provinciale. Si chiede alle Province, in ossequi ai principi esposti sopra, di definire quali zone sono adatte alla produzione di energia elettrica e quali no. Questo è importantissimo per noi piacentini
perché stiamo chiedendo da tempo alla provincia di pianificare le zone dove è possibile fare idroelettrico e dove non lo è. In questo modo la regione chiede alle province di fare quello che noi stiamo chiedendo da tempo.

5. Applicazione immediata. Si chiede che i 100 progetti già presentati in Regione vengano vagliati secondo i requisiti della direttiva in via di stesura. In questo modo i progetti non potranno essere approvati tanto alla
leggera e dovranno soddisfare requisiti ben più stringenti.

Inoltre una delegazione del comitato è stata ricevuta dalla Presidente dell’Assemblea regionale che si è dimostrata molto sensibile al problema e ci ha chiesto di vigilare affinchè la Giunta regionale adotti una direttiva che sia davvero rispettosa del testo a cui la impegna la mozione.
E questo noi dobbiamo fare. Non abbassando la guardia, ma al contrario, impegnandoci ancora di più. Infatti i 4 progetti pendenti sulla nostra provincia tra non molto arriveranno al termine della valutazione di impatto ambientale e il risultato è ancora tutt’altro che scontato. Inoltre i comitati di tutte le altre province sono molto più indietro e la loro situazione è molto più pesante (dai 15 ai 30 progetti per provincia)."

Testo della mozione sulle centaline idroelettriche

Fonte : Gian Marco Comitato "NO TUBE"
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.