Logo pinning On Line
• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con esche artificiali

ATTREZZATURA - Una mano dalla tecnologia: Ecoscandagli portatili

Di Giuseppe Boschetti (del 18/12/2007 @ 11:14:05, in Attrezzatura, letto 46355 volte)
Sarà capitato a tutti di vedere filmati di pesca sia italiani sia stranieri. L’azione di pesca si svolge prevalentemente dalla barca e la ricerca della preda avviene mediante l’aiuto di ecoscandagli. Normale in questa situazione. Fishfinder Zebco
Ma la tecnologia può venire in soccorso anche a chi usa il belly-boat o è appiedato? La risposta è affermativa. Nei cataloghi della Zebco e della Humminbird si possono visionare modelli portatili “handheld” di tali dispositivi. Il modello Zebco assomiglia come aspetto e dimensioni ad un classico cellulare mentre per quanto riguarda la Humminbird ne esistono due versioni una da polso simile ad un orologio da indossare ed una da agganciare alla canna. Sono studiati appositamente per la pesca col belly-boat. Si aggancia al ciambellone il sensore, calato ovviamente in acqua, si accende il dispositivo ed ecco che sul monitor compare l’”immagine” del fondo con tanti di pesci se presenti. Non bisogna aspettarsi belle immagini od alte definizioni grafiche ma quanto basta per rendersi conto di come è composto il fondale sotto i nostri piedi. Di sicura utilità nel “vedere” ostacoli posizionati sul fondo impossibili da scorgere in maniera diversa. Come tutti gli ecoscandagli non sono esenti da “false” informazioni. Se l’ostacolo od i pesci sono rasenti il fondo dentro la “zona d’ombra” del sensore (sonar) sul monitor non si vede nulla. Questo non significa che sotto non ci sia niente ed un lancio conviene sempre farlo soprattutto se il posto ispira. Appare chiaro un loro utilizzo per chi pesca con la ciambella, ma sono ugualmente utili per lo spinningofilo appiedato? Sicuramente nel caso si voglia fare una ricognizione di un luogo per analizzarne il fondale. Diverso è utilizzarli nell’azione di pesca. Il lancio della sonda e la conseguente caduta in acqua, provoca rumore e quindi il fuggi-fuggi del pesce.Fishfinder Humminbird La scelta tecnologica in questo caso è forzata verso i modelli della Humminbird che hanno un apposita sonda di piccole dimensioni con incorporata una trasmittente radio colloquiante con lo strumento di lettura. Può quindi essere agganciata alla lenza , lanciata e durante il recupero ci permette di “visionare” il fondale della zona. La distanza massima tra sensore e lettore deve essere al massimo 25 metri. Più che sufficiente.
Tali marchingegni portatili possono risultare utili anche per chi, ogni tanto, noleggia imbarcazioni per pescare. Addio senso dell’acqua? Sicuramente no. Nessun strumento, pur sofisticato che sia, può eliminare quel sesto senso, acquisto con l’esperienza e le ore passate a pescare, che ci fa intuire dove trovare la nostra preda!
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.