Logo pinning On Line
• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con esche artificiali

OPINIONI - I "MIRACOLI" (?) DELLA NATURA

Di Michele Marziani (del 06/03/2006 @ 22:25:22, in Opinioni, letto 23152 volte)

Anche i miracoli a volte si ripetono. Mi era gia' capitato vent'anni fa, ma le condizioni allora erano decisamente migliori. Domenica pomeriggio ho mezz'ora di tempo. Passeggiata sul fiume Marecchia, a Rimini, nel tratto di fume alla periferia cittadina, poche centinaia di metri di distanza dal mare. Sulle rive nonostante i cartelli della derattizzazione si vedono passare qua e la dei topastri evidentemente analfabeti. L'acqua e' brutta come e' ormai da anni, puzza leggermente. Sotto al ponte pedonale del parco c'e' un salto d'acqua - per i riminesi "la diga" - con schiumoni dovuti alla caduta dell'acqua e altri, piu' persistenti e bianchicci, dovuti alla qualita' del fiume. Insomma, il Marecchia in zona foce assomiglia piu' a una fogna che ad un fiume. Eppure c'e' pesce, eccome. Carpe, carassi, cavedani...
Un'infinita'. Poi, a seconda delle stagioni, cefali di risalita. Una volta, quando il fiume era un po' piu' ospitale, c'erano pure le passere, le anguille (quante anguille), qualche ghiozzo. Un anno ci catturammo anche qualche cheppia e un mio amico giuro' di aver preso una spigola. Oggi il fiume che oltre ad essere sporco e degradato ha subito anche rettifiche e lavori in alveo, dovrebbe essere morto. Ma, come tante acque italiane, di morire non ci pensa affatto. E a volte regala sorprese. Gia', dimenticavo la mia mezz'ora domenicale. Eccomi di fronte alla cascata a lanciare svogliatamente un Martin da 6 gr. alla ricerca di qualche altrettanto svogliato cavedano. Ne prendo uno che sara' si e no 25 cm. Continuo a lanciare. Il sole si abbassa sulla linea della cascata e la luce, complici le nuvole, si fa irreale. Vedo la sagoma di un pesce saltare davanti a dove cade l'acqua. Penso "carpa", ma piu' intimamente penso "trota!?". Lancio d'istinto, pure male, cado rumoroso ma l'acqua fa piu' chiasso, giro la manovella... Presa: salta un paio di volte, viene a riva e la guardo incredulo, stupito, stranito... E' una trota di una trentina di centimetri, color bianco candeggiato tendente - volendo essere benefici - all'argentato.
E' una fario perche' ha qualche puntino sbiadito. E' un miracolo perche' vive qui. La prendo in mano (a bagnarmi la mano ci penso un po', la leptospirosi vorrei evitarla), la guardo, la slamo, la riossigeno (che parola inadeguata per acque di questa qualita') e la lascio andare.
Incredibile. Mi era accaduto anche vent'anni fa, dopo una piena, pescando a fondo le anguille. Ma allora il Marecchia, per quanto poco bello, almeno non puzzava. Chissa' se la mia quasi fario sbiadita e' arrivata a Rimini in vacanza dal no-kill di Molino di Bascio o dal tratto a salmonidi una cinquantina di chilometri a monte. Chissa' cosa ha pensato passando dalla canalizzazione (per fortuna bloccata) di Ponte Santa Maria Maddalena, dalla foce del torrente Mazzocco che scarica la mondezza di San Marino alla faccia degli accordi bilaterali tra stati, chissa' se si e' accorta - passando per Santarcengelo - che ci sono chilometri che per lunghi mesi all'anno non hanno piu' una goccia d'acqua. Chissa' se ha creduto di arrivare all'inferno incrociando la foce dell'Ausa, autentica fogna a cielo aperto. Chissa' perche' e' arrivata quaggiu' a due passi dal mare per decidere di campare tra schiume puzzolenti e acqua salmastra... Non lo so, mi piace pensarla come un piccolo miracolo, un'ambasciatrice della natura che viene a dirci che i fiumi non muoiono mai... A riportarmi alla realta' sono le pinne "smozzicate", non e' un'ambasciatrice della natura: e' l'ennesima fregatura dell'uomo che pensa di non aver tempo di aspettare che i pesci nascano e crescano. Li mettiamo gia' pronti per essere pescati e ci commuoviamo pure quando rotolano a valle perche' non sanno neppure nuotare.

© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.