• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con artificiali
\\ Home Page : Articolo

TESTATI DAVVERO - Bass Assassin FLOAT WORM

Di Giuseppe Boschetti (del 07/12/2012 @ 17:08:52, in Testati davvero, letto 15787 volte)
I vermoni sono sicuramente l'esca principe per la pesca al bass soprattutto per i neofiti. Poco costosa e ad ampio spazio di azione. In pratica il classico jolly, che non manca mai nel parco esche possedute. In questi anni si è vista un' evoluzione dell'esca. All'inizio solo di gomma a cui in seguito si sono aggiunti "gusti" , brillantini e palline "rattling" ossia sferette per far rumore. Ovviamente i produttori si sono sbizzarriti anche nelle forme code , codine, corti lunghi grassi , magri e via dicendo. La Bass Assassin ha di recente commercializzato una versione "FLOAT" cioè galleggiante. Di forma tozza con anelli per emettere vibrazioni , un ventre piatto scanalato per nascondere meglio l'amo ed aromatizzati al lardo di maiale.
La cosa che colpisce è che galleggiano!! Ma che senso ha? Questo è il quesito che mi sono posto appena li ho avuti tra le mani. Dopo un periodo di test comparativo con altri vermi, effettuato tra marzo e novembre (visto le miti temperature) , una risposta al quesito c'è ed anche molto interessante. Per i più frettolosi nella lettura dico subito che si sono rivelati, nella media, superiori del 50%, nel potere attrattivo e catturante. Vediamo ora in dettaglio.
Vermoni galleggianti della Bass Assassin
Floatter Rig o senza piombi

Sta a pelo d'acqua. Il peso dell'amo + girella + filo non è sufficente a farlo affondare se non di qualche millimetro. Valido per fargli fare il "walking the dog" anche con frequenti soste , cosa non possibile agli altri. Interessante ma non ha prodotto un incremento significativo di attacchi o catture. Forse, sì e no il 10 %.

Suspending

Funzionamento di alcuni tipi di minnow che affondano sino ad un certo livello e poi "viaggiano" a tale profondità. Questo non è possibile con un classico verme , ma con questi se si ha molta, ma molta pazienza e molta, ma molta fortuna, si riesce a trovare una piombatura che lo fa affondare e restare in posizione di quanto voluto. Ci sono riuscito solo poche volte ma il tempo perso mi ha risarcito con ottime catture. Il vantaggio è che non affondando ulteriormente si può recuperare molto lentamente o a scatti rimanendo sempre allo stesso livello. Se i bass sono anche loro a quel livello le catture non tardano ad avvenire e possono anche cospique, soprattutto se trovate un branco. Molto difficile sia per la calibratura sia per la scelta, fortuita o meno , della profondità. Non valutabile.

Texax Rig

Il piombo è "pesante" ed in testa. L'unica differenza e che tende a portare la "coda" verso l'alto anzichè rimanere incollata al fondo. Potete notarlo se fate una prova nella vasca da bagno. Nessun incremento di catture od attacchi.

Carolina Rig e Drop Shot

Ho unito queste due "montature" perchè sono quelle in cui si è rivelato decisamente superiore dell'80% . Il fatto che galleggia, montato a Carolina , fa si che risalga verso la superficie aumentandone decisamente la visibilità. Nel Drop Shot tende a portare la coda verso l'alto e non verso il basso. Tale posizionamento, di entrambe le montature , permette anche al più piccolo strattone che viene impresso al nostro filo, di muovere l'esca che tenderà ad abbassarsi e quindi riposizionarsi. Tali movimenti sono risultati essere altamente adescanti inducendo anche bass svogliati ad attaccare. Non solo, durante i periodi freddi , inizio primavera e tardo autunno, si sono rivelate le uniche montature che hanno permesso catture non occasionali.
RICERCA
Cerca in SpinningOnLine
 

Il pescatore di tempo - di Michele Marziani
ARTICOLI PUBBLICATI
< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
 Catalogati per mese:
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Ultimi articoli inseriti
Articoli più letti
SONDAGGIO
Il futuro della pesca sarà solo nelle riserve e cave a pagamento?

 Si
 No
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.