• SPINNING ON LINE - Magazine per appassionati di pesca con artificiali
\\ Home Page : Articolo

TECNICA - Lucioperca predatore notturno. Vero o falso?

Di Giuseppe Boschetti (del 04/10/2007 @ 10:48:40, in Tecnica, letto 41242 volte)

Canini aguzzi, compare al tramonto per sparire all'alba, odia la luce solare. Questa breve descrizione ricorda un po' il Conte Dracula, il leggendario vampiro. Nel mondo acquatico, invece, richiama alla mente il lucioperca detto anche sandra dal tedesco zander.lucioperca o sandra Le sue catture, infatti, avvengono prevalentemente all'imbrunire o di notte quando esce allo "scoperto" per mangiare.
Possiamo quindi affermare che la sandra è il "vampiro d'acqua dolce".

Vero o falso che è un predatore notturno?

Come in tutte le leggende metropolitane, c'è sempre un fondo di verità.
Nel nostro caso la particolare struttura dell'occhio, molto grande, permette al nostro percide di vedere ottimamente di notte od in condizioni di scarsa luce.
Lui vede ma le sue prede molto, molto meno. E' questo il motivo per cui predilige alimentarsi in condizioni "buie".
Vedere e non essere visti: è il massimo per un predatore!
Questo istinto un po' dark non significa che in presenza di luce diurna si rinchiude dentro la propria "bara" in attesa del tramonto, come il più noto e umano compare leggendario, smettendo di cacciare. Semplicemente, staziona nelle zone più in ombra e meno luminose dei fiumi, dei laghi o delle lanche che abita.
piloniAl di fuori degli orari canonici va cercata in questi luoghi.
Una giornata uggiosa o acqua torbida ci danno una mano.

Si ma esattamente dove?

Piloni, pontili, primate, massi, intrichi di erbai o alberi sommersi o meno, etc. In pratica tutte le zone che "creano ombra" offrono riparo luminoso al lucioperca.
Qui rimane in vigile attesa. Se una preda, più coraggiosa o "stolta" delle altre, transita nell'oscurità viene attaccata.
I ripari in pietra, sia naturali sia artificiali, hanno un'altra particolarità. Quando la luce solare li colpisce creano ovviamente una zona d'ombra in un lato. Su quello opposto, che assorbe i raggi luminosi, l'acqua nelle immediate vicinanze viene riscaldata.
Tale fenomeno attiva gli invertebrati che a loro volta attraggono i piccoli pesci, le prede preferite. Se in questi scenari, più o meno comuni a tutti i predatori, stiamo insidiando lucci & C. e sentiamo una piccola trattenuta sulla lenza, ferriamo immediatamente. Potrebbe essere il solito sasso o ramo, ma potrebbe anche essere un bel lucioperca che, come va ricordato, non ha un attacco spettacolare ma delicato e subdolo.

prismataIn merito alla sua vista.

Oltre al fatto che, grazie ai suoi occhi vede meglio al "buio", studi scientifici hanno evidenziato due interessanti particolarità.

La prima afferma che distingue più chiaramente le prede, quindi anche gli artificiali, che transitano sopra di lui piuttosto di quelli che nuotano sotto.

La seconda sostiene che i colori meglio identificati sono il rosso, l'arancione ed il giallo seguiti dal verde.

Teniamo conto di questi suggerimenti nell'utilizzo e nella scelta dei nostri artificiali, specialmente se peschiamo in acque "basse" dove passano tutti i componenti dei raggi luminosi non alterandone la colorazione, altrimenti, conviene scegliere i colori imitanti le prede naturali che vanno sempre bene.

RICERCA
Cerca in SpinningOnLine
 

Il pescatore di tempo - di Michele Marziani
ARTICOLI PUBBLICATI
< novembre 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
 Catalogati per mese:
Novembre 2017
Ottobre 2017
Settembre 2017
Agosto 2017
Luglio 2017
Giugno 2017
Maggio 2017
Aprile 2017
Marzo 2017
Febbraio 2017
Gennaio 2017
Dicembre 2016
Novembre 2016
Ottobre 2016
Settembre 2016
Agosto 2016
Luglio 2016
Giugno 2016
Maggio 2016
Aprile 2016
Marzo 2016
Febbraio 2016
Gennaio 2016
Dicembre 2015
Novembre 2015
Ottobre 2015
Settembre 2015
Agosto 2015
Luglio 2015
Giugno 2015
Maggio 2015
Aprile 2015
Marzo 2015
Febbraio 2015
Gennaio 2015
Dicembre 2014
Novembre 2014
Ottobre 2014
Settembre 2014
Agosto 2014
Luglio 2014
Giugno 2014
Maggio 2014
Aprile 2014
Marzo 2014
Febbraio 2014
Gennaio 2014
Dicembre 2013
Novembre 2013
Ottobre 2013
Settembre 2013
Agosto 2013
Luglio 2013
Giugno 2013
Maggio 2013
Aprile 2013
Marzo 2013
Febbraio 2013
Gennaio 2013
Dicembre 2012
Novembre 2012
Ottobre 2012
Settembre 2012
Agosto 2012
Luglio 2012
Giugno 2012
Maggio 2012
Aprile 2012
Marzo 2012
Febbraio 2012
Gennaio 2012
Dicembre 2011
Novembre 2011
Ottobre 2011
Settembre 2011
Agosto 2011
Luglio 2011
Giugno 2011
Maggio 2011
Aprile 2011
Marzo 2011
Febbraio 2011
Gennaio 2011
Dicembre 2010
Novembre 2010
Ottobre 2010
Settembre 2010
Agosto 2010
Luglio 2010
Giugno 2010
Maggio 2010
Aprile 2010
Marzo 2010
Febbraio 2010
Gennaio 2010
Dicembre 2009
Novembre 2009
Ottobre 2009
Settembre 2009
Agosto 2009
Luglio 2009
Giugno 2009
Maggio 2009
Aprile 2009
Marzo 2009
Febbraio 2009
Gennaio 2009
Dicembre 2008
Novembre 2008
Ottobre 2008
Settembre 2008
Agosto 2008
Luglio 2008
Giugno 2008
Maggio 2008
Aprile 2008
Marzo 2008
Febbraio 2008
Gennaio 2008
Dicembre 2007
Novembre 2007
Ottobre 2007
Settembre 2007
Agosto 2007
Luglio 2007
Giugno 2007
Maggio 2007
Aprile 2007
Marzo 2007
Febbraio 2007
Gennaio 2007
Dicembre 2006
Novembre 2006
Ottobre 2006
Settembre 2006
Agosto 2006
Luglio 2006
Giugno 2006
Maggio 2006
Aprile 2006
Marzo 2006
Ultimi articoli inseriti
Articoli più letti
SONDAGGIO
Il futuro della pesca sarà solo nelle riserve e cave a pagamento?

 Si
 No
© Alieutica testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Rimini n. 3/2005 - SPINNING ON LINE
© Copyright 2003 - 2017  Tutti i diritti riservati.